edilizia residenzialenuova edificazione

Casa LCN2 – Bioedilizia Villino Bifamiliare

Progetto per la realizzazione di quattro villini di circa 120 mq in Bioedilizia 

Posizionati alla periferia di Roma a ridosso di un bosco di querce e lecci, sono stati costruiti due villini bifamiliari in bioedilizia.Bioedilizia VillinoLCN - vista di un villino bifamiliare

Ogni villino si sviluppa su due livelli ed è composto al piano terra da un ampio salone di 33 mq, cucina, camera, cameretta e bagno ed al piano primo una camera, bagno, studiolo e terrazzino.

L'elemento caratterizzante è la doppia altezza nella zona del soggiorno.

La doppia altezza oltre a lasciare la copertura in legno a vista, offre al fruitore la percezione di un ambiente ampio e accogliente.

Il piccolo ballatoio al piano primo, oltre a consentire l'accesso al piano, può essere adibito a piccolo studio o area lettura e relax.

(se sei interessato a questo progetto leggi anche Casa LCN – Villino Bifamiliare)

Il progetto è il risultato di una lunga e fruttuosa collaborazione con il gruppo AbitareCasa.

La piena condivisione di principi e valori ci ha consentito di realizzare un prodotto che ha saputo trovare una propria nicchia nel mercato immobiliare romano.

Qualità Termiche e Classe Energetica 

villinoLCN - Classe Energetica

Le qualità termoisolanti delle pareti e del tetto, l’impianto elettrico "avanzato", i pannelli solari termici, i pannelli fotovoltaici, il recupero delle acque piovane consentono un notevole risparmio di risorse.

Infatti, grazie alle caratteristiche energetiche ottenute le quattro abitazioni risultano in classe Energetica A3.

Di fatto questi accorgimenti, oltre a consentire un notevole risparmio economico, garantiscono un altissimo standard qualitativo ed un elevato comfort abitativo sia invernale che estivo.

Tuttavia le tecnologie utilizzate sono perfettibili! Così nel progetto sono stati previsti cavedi realizzati allo scopo di alloggiare gli impianti e le relative condutture. Questo accorgimento consentirà ai proprietari una facile manutenzione degli stessi ed anche ulteriori migliorie ed implementazioni con costi contenuti e soprattutto senza opere edili che comporterebbero un aggravio dei costi.

Per fare un esempio gli utenti potranno facilmente aumentare la produzione di energia elettrica dal fotovoltaico oppure aggiungere un impianto geotermico a bassa entalpia.

Di fatto le abitazioni hanno le predisposizioni necessarie a raggiungere una "classe energetica A4" realizzando un edificio cosiddetto "a energia quasi zero" cioè abitazioni autosufficienti che azzerano il loro fabbisogno energetico dalla rete elettrica cittadina.

Struttura portante in legno con sistema a "telaio" 

Le prime ipotesi progettuali prevedevano una struttura in muratura portante; ma la convinzione e la lungimiranza della committenza ci ha portato a cercare soluzioni alternative.

La struttura portante è stata così realizzata con sistema a "telaio" in legno lamellare.

Questa tecnologia costruttiva presenta numerosi vantaggi.

Il legno infatti è considerato il materiale da costruzione eco-sostenibile (non ha bisogno di energia esterna per essere creato, gli alberi utilizzati saranno sostituito, il legno incamera la CO2).

Poiché gli elementi strutturali sono pre-assemblati in fabbrica si ha maggior precisione e velocità nelle fasi di cantiere. Dall'inizio del cantiere in due mesi la parte strutturale era conclusa.

Grazie all'assenza di ponti termici e l'uso di materiali termoisolanti si ottengono elevate caratteristiche termo-igrometriche alla base di un progetto ad alto profilo energetico.

L'uso del legno infine consente un elevato comfort degli ambienti indoor. Infatti grazie alla capacita di traspirazione del legno garantiscono una elevata salubrità della casa (ridotto inquinamento acustico, atmosferico ed elettromagnetico).

progetto realizzato 
dall'architetto Paolo Pambianchi 
in collaborazione 
con l'architetto Stefano Sanna