edilizia non residenzialespazio pubblico

Bando Punto Verde Ristoro a Villa Fiorelli

fotografia del sito - fotomontaggio dell’intervento

Il tema del Bando era la realizzazione di un Chiosco Ristoro all’interno del parco di Villa Fiorelli, un parco pubblico nel cuore del quartiere Appio Latino.

pianta del punto ristoro
pianta del punto ristoro

 

Le scelte progettuali sono state determinate da un’attenta analisi dello stato dei luoghi e dalla volontà di proporre un intervento che la valorizzi l’area verde. Pertanto si è deciso di inserire il chiosco vero e proprio e i relativi spazi funzionali alla manutenzione dei giardini in un unico edificio articolato in modo da innestarsi nel disegno del verde esistente. Questa forma particolare ha permesso di inserire il manufatto di progetto all’interno degli ombrai esistenti rendendoli parte integrante del nuovo progetto.

Punto Verde Ristoro - criteri e requisiti

I criteri e i requisiti di qualità adottati mirano ad un basso impatto paesaggistico, questo insieme all’utilizzo di tecnologie per il recupero e il risparmio dell’energia consente un concreto raggiungimento di obiettivi di sostenibilità.

prospetti e sezioni
prospetti e sezioni

La struttura sarà realizzata in legno lamellare tipo XLAM preimpregnato e trattato con vernici atossiche, trattamento riservato anche alla pavimentazione in legno dell’area degli ombrai, della sala interna. Il risparmio energetico, il controllo climatico e la sostenibilità dell’intervento saranno garantiti attraverso l’isolamento termico delle strutture, la copertura, sempre in legno, sormontata da un “pacchetto” isolante ed impermeabilizzante, i vetri basso emissivi, gli infissi a taglio termico, i recuperatori di calore. È prevista anche l’installazione di moduli fotovoltaici a film sottile integrati che garantiranno la produzione dell’acqua calda sanitaria e la produzione dell’energia elettrica per l’illuminazione dei locali, la gestione del ciclo dell’acqua con serbatoio interrato per il recupero dell’acqua della fontanella presente nella piazza e il recupero di quelle degli impianti frigoriferi e la sistemazione del verde intorno alla struttura con reintegro delle piante rampicanti “rincospermo” sugli ombrai esistenti e la messa a dimora di nuovi rampicanti sulla parete curva in listelli di legno di abete per la mitigazione climatica. I locali saranno climatizzati ed insonorizzati con pannelli fonoisolanti (all’interno della parete in legno XLAM) che garantiranno una emissione all’esterno e negli ambienti interni inferiore al 10% dei limiti di legge. Tutti i bagni saranno dotati di wc con differenziatore flusso di scarico. I terminali di adduzione idrica dei bagni e del bar saranno muniti di miscelatori con regolatore di flusso.

progetto realizzato 
dall'architetto Paolo Pambianchi
in collaborazione 
con l'architetto Stefano Sanna